Chiesa locale e famiglia: un dialogo necessario

Simala. Seconda giornata diocesana organizzata dalla Pastorale familiare

Domenica 29 aprile, ospiti della comunità parrocchiale di Simala, si svolgerà la seconda giornata diocesana della famiglia, evento promosso dall’ufficio diocesano di pastorale familiare grazie ai fondi erogati dalla CEI attraverso l’8xmille. Famiglia: dono-fragilità e speranza, è questo lo slogan che accompagnerà l’intera giornata, tema offerto dall’esame e dallo studio sulla lettera di Papa Francesco “Amoris Laetitia”, fatto dalla consulta diocesana di pastorale familiare e condiviso con il nostro vescovo Padre Roberto.

A presiedere i lavori della mattina sarà Don Andrea Ciucci del clero milanese che lavora presso la pontificia accademia della vita, il suo intervento ci permetterà di chiarire alcuni aspetti della lettera del Papa che ancora appaiono di non facile interpretazione, mentre alla sera Don Fidele, parroco di Gonnosnò, ci guiderà in una analisi circa l’etica familiare, tema iniziato con la giornata della vita, che si è tenuta a Lunamatrona, e che verrà portato a termine in questa occasione.

Oggi più che in altri periodi storici è difficile parlare di famiglia, le idee su questa realtà si moltiplicano di giorno in giorno, non vi è un unico pensiero ma ciascuno cerca di adattare il concetto alla situazione personale. Anche i modelli che vengono proposti spesso sono utopici, tutti ad inseguire il modello del “mulino bianco” pur sapendo che esso non esiste, oppure c’è chi prende la famiglia come un’occasione, tenendo aperte le porte della realizzazione o del fallimento dell’esperienza, in pochi oggi sentono la famiglia come occasione unica per realizzare la propria natura, quella di essere crearti ad immagine e somiglianza di Dio. Rimanendo nell’analisi e cercando di essere veri e credibili, nella nostra società tutte le situazioni che dovrebbero essere condotte con stile familiare sono in crisi, facciamo un esempio per tutti: le comunità cristiane, le parrocchie, chiamiamole come vogliamo.

Siamo tutti a conoscenza della scelta fatta dalla nostra diocesi, quella delle Unità Pastorali, perché stentano a decollare? Perché siamo sprovvisti di quegli elementi base della famiglia, ciascuno a curare il proprio orticello. Penso sia necessario tornare a lavorare per e con la famiglia e questa giornata diocesana è una buona occasione, certamente la famiglia è un dono e lo è per tutti, sicuramente è fragile perché manca di spiritualità ed è ricca di materialità, ma è la nostra speranza perché l’uomo non è un’isola e la relazione con gli altri è l’elemento che lo fa vivere.

La giornata inizierà alle ore 9 con la registrazione degli iscritti e dei partecipanti, seguiranno la preghiera e i saluti iniziali, poi ci sarà la relazione di don Andrea, alle 12,15 concelebrazione con il nostro vescovo Padre Roberto e alle 16 la seconda parte con don Fidele, i lavori termineranno alle ore 18. Per chi ancora non lo avesse, durante la giornata si può acquistare il testo della lettera del Papa e già questo sarebbe un primo passo per conoscere la pastorale familiare e aiutare i parroci a offrire tale servizio nelle proprie comunità.

Don Giorgio Lisci