Villacidro. L’incontro col Consiglio comunale

Quando la Chiesa costruisce ponti

Il vescovo Padre Roberto Carboni in Visita Pastorale a Villacidro ha incontrato il Consiglio comunale, anticipato da un saluto ai dipendenti comunali. In questo modo il vescovo ha potuto conoscere l’apparato amministrativo del Comune che lavora tra le indubbie difficoltà: in primis, il problema della carenza d’organico evidenziato dalla sindaca Marta Cabriolu e dalla Rsu Loredana Zuddas. E’ difficile a volte garantire servizi puntuali ai cittadini quando il personale per oltre 14 mila abitanti si è ridotto a poco più di 60 dipendenti. Un calo dovuto ai pensionamenti e alle mancate sostituzioni per disposizioni di legge. Parole di apprezzamento per il loro servizio sono state spese dal Vescovo che ha poi ricordato la parabola del Buon Samaritano per sottolineare l’importanza di un “servizio organizzato” affinché si dimostri utile, e la sindaca sulla stessa linea ha parlato di preziosi collaboratori, braccio operativo dell’amministrazione.

Poi l’incontro con Consiglio in un’atmosfera distesa con i ringraziamenti della maggioranza e della minoranza, unite nel riconoscere il prezioso ruolo della Chiesa nella comunità. La Visita Pastorale, l’incontro con la comunità e l’attenzione a tutti i segmenti della società locale hanno colpito profondamente la Giunta che ha ringraziato il Vescovo, i parroci e i sacerdoti per la vicinanza costante alle istituzioni e alla gente. Forte l’emozione per alcuni consiglieri di maggioranza che, onorati della visita, hanno ricordato il ruolo fondamentale della chiesa nella nostra società e l’importanza del confronto e della collaborazione come base dell’operato della politica. Toni ugualmente costruttivi della minoranza che vede nella chiesa, nel vescovo e nei sacerdoti una guida nel cammino che porta ad uscire da una serie di problemi che oggi attanagliano tutti, dalla disoccupazione alla mancanza di dialettica, alla crisi generale, allo spopolamento.

L’augurio di tutti è che anche questa visita possa infondere la speranza sul futuro che oggi si sta perdendo. Uno scambio di doni ha suggellato questa giornata di pace nel luogo dove si prendono le decisioni della comunità. “La visita pastorale è per me necessità e gioia di conoscere da vicino le persone, le situazioni, il tanto bene seminato, e cresciuto insieme anche ai momenti di fatiche, alle difficoltà e a ciò che deve essere cambiato e maturato”. Padre Roberto ha spiegato come l’incontro “nasce dal desiderio di essere “in uscita” – come direbbe Papa Francesco – con la speranza di gettare ponti di amicizia leale, dialogo, ricerca insieme delle strade migliori da percorrere con tutti e non solo con gli appartenenti della vita attiva delle comunità ecclesiali, per lasciarmi interrogare dalla realtà dopo averla ascoltata meglio. Infine, stimolare e incoraggiare maggiormente i miei sacerdoti, i diaconi e i tanti fedeli a trovare in ogni ambito le strade migliori per raggiungere insieme il bene comune mettendo, da parte nostra, a disposizione di tutti ciò che la Chiesa cattolica è ed ha: la sua storia, la sua esperienza di umanità”.

Il Vescovo ha poi parlato dell’impegno costante della Chiesa per affrontare i problemi, la crisi economica e la crisi della famiglia e del bisogno di formazione dei giovani ai quali vanno incontro le parrocchie, associazioni, oratorio e movimenti. C’è poi, come ha sottolineato Padre Carboni, attenzione al disagio sociale con la Caritas Diocesana. Tuttavia, “il nostro fare non basta”, afferma: “Chi ha un ruolo di governo deve spendere energie, creatività e forze per dare spazio a progetti che vengano incontro a queste necessità.

l’Omelia di Padre Roberto Carboni nella parrocchia di Sant’Antonio a questo indirizzo.

L’incontro del Vescovo con il mondo del lavoro e le associazioni a questo indirizzo.

L’incontro del Vescovo con i ragazzi nelle scuole di Villacidro a questo indirizzo.