Accogliere, Proteggere, Promuovere e Integrare

Ozieri. 16 dicembre 2017 Marcia della Pace promossa dalla Diocesi di Ales-Terralba

La pace è l’anelito dell’umanità, di quanti nella giustizia faticano per creare un futuro ai singoli, alle famiglie, ai popoli di ogni stirpe, razza, lingua, civiltà. Con tremore ci accorgiamo che continuano a soffiare i venti di guerra che coinvolgono purtroppo in un vortice disumano milioni di persone vittime di ideologie, di intressi, di fazioni, di odio. Oggi con orrore ci affacciamo al rischio di conflitti nucleari che potrebbero annientare le civiltà, il progresso, l’umanità stessa.
Il Papa, profeta inascoltato, cerca di richiamare le coscienze di quanti ci governano ad essere costruttori di pace: ancora nella guerra tutto è perduto. La devastazione della guerra in Iraq, Siria e dei focolai di guerra e terrorismo, in cento altre nazioni non stanno insegnandoci niente: mentre si spegne un focolaio di odio se ne accendono altri. Siamo oltre trent’anni che come diocesi di Ales-Terralba portiamo avanti questo grido di pace cercando di coinvolgere quest’isola della Sardega con la Marcia della Pace di fine dell’anno, unendo i nostri cuori al cuore dell’umanità che desidera Pace, alla Preghiera dei credenti nella Giornata della Pace del 1° Gennaio.
Quest’anno 2017 la XXXI Marcia della Pace promossa dalla diocesi di Ales-Terralba sarà sabato 16 dicembre alle ore 15,00 ad Ozieri, città di cultura e di pace. A noi si unisce la Delegazione della Caritas Regionale ed in particolare la diocesi di Ozieri.
Per la Pace noi vogliamo chiedere che si uniscano a noi le nostre Istituzioni Civili (Regione, Province, Comuni), il terzo settore (volontariato, la cooperazione, la promozione), il Mondo del Lavoro (Imprenditori e Lavoratori tutti, il Sindacato) il mondo della cultura (università, scuole di ogni ordine e grado) la Chiesa (diocesi, parrocchie, associazioni, movimenti) il mondo dei credenti (le altre chiese cristiane, le altre religioni e fedi). Chiediamo che si uniscano a noi tutti gli immigrati che sono arrivati in Sardegna. A Loro in particolare vogliamo dedicare questa XXXI Marcia della Pace: noi dobiamo imparare ad accoglire, gli immi- Ozieri. 16 dicembre 2017 Marcia della Pace promossa dalla Diocesi di Ales-Terralba grati ci aiutino ad accogliere. Per questo la XXXI Marcia della Pace avrà come moto le quattro parole del Papa per la Giornata Mondiale del Migrante il 14 gennaio 2018: Accogliere, Proteggere, Promuovere e Integrare.
Certamente la Marcia delal Pace non dimentica la nostra terra di Sardegna. Ci accosteremo alla Marcia con un cammino di discernimento: la nostra povertà, il non lavoro, i nostri giovani. Ospiti della Marcia saranno Mons Giovanni Angelo Becciu, sottosegretario di Stato Vaticano, il Prof. Andrea Riccardi fondatore di Sant’Egidio, ci aiuteranno a riflettere, a darci sapienza nell’operare, a farci sognare un futuro di Pace.
Proponendo questa XXXI Marcia della Pace speriamo che a noi si uniscano tutti gli uomini di buona volontà senza distinzione di ideologie politiche, di religione, di luoghi che abitiamo. Noi siamo cittadini del mondo, siamo fratelli universali, noi siamo un grande corteo in cammino. Il nostro orizzonte è una terra di pace. Anche partecipando alla XXXI Marcia della Pace ad Ozieri il 16 dicembre in spirito di fraterllanza siamo costruttori di pace.

Il Comitato promotore