I Meeting dei ragazzi: “Il viaggio della vita”

Una domenica fredda e invernale ha dato avvio al cammino annuale dei Meeting dei Ragazzi, proposto per la fascia dai 13 ai 16 anni, e organizzato dal Servizio per la Pastorale Giovanile e dal Centro Diocesano Vocazioni. Più di 100 ragazzi e ragazze, principalmente da San Gavino, Villacidro, Pabillonis, Sardara e da Ales, guidati dagli animatori della PG, si sono ritrovati nei locali della parrocchia della Beata Vergine della Neve di Pabillonis, per vivere insieme una giornata all’insegna del divertimento e della condivisione. È una proposta diocesana, giunta ormai al suo ottavo anno, che si propone come cammino di accompagnamento ai percorsi parrocchiali, per i ragazzi che hanno concluso il percorso “iniziale” di catechesi verso la santa Cresima.
Viaggiare” è stato il tema guida della giornata: i ragazzi presenti sono stati accompagnati dagli educatori a mettersi in viaggio, per scoprire la bellezza del viaggiare e la necessità di conoscere se stessi durante questo viaggio. Nella mattinata i ragazzi, dopo aver “assaporato” l’accoglienza generosa della comunità pabillonese ed essersi riscaldati con i “tradizionali” e simpatici bans, son stati invitati, come in una vera e propria stazione, ad “acquistare” il proprio “biglietto della vita” e bagaglio. Un bagaglio che necessita di un cammino per essere riempito, di relazioni, di esperienze, come anche dei più svariati oggetti.
Divisi per gruppi, prima individualmente e poi in coppia, come in un vero mezzo di trasporto, si sono dovuti confrontare con le motivazioni che accompagnano il loro viaggiare. Chi vorresti essere se avessi un ruolo sul treno, quale stato d’animo preferiresti avere, preferisci il viaggio di andata o di ritorno, e infine se dovessi paragonare la tua vita ad un viaggio come la vorresti? Tante le provocazioni date ai ragazzi, che hanno saputo con gioia condividere tra di loro nei vari gruppi, sottolineando l’importanza di avere altri compagni di viaggio per rendere l’esperienza più piacevole e affascinante, come anche le tante opportunità che il viaggio ti può dare, in particolare quello di scoprire davvero chi sei. Questo tema – uno dei temi portanti proposti dal cammino nazionale – “decodificate in chiave vocazionale grazie a figure bibliche di riferimento come quella di Abramo ci ricordano che per scoprire sé stessi e la propria vocazione è necessario mettersi in ascolto, farsi intercettare da Colui che chiama ed infine decidere di uscire dalla propria “terra” e mettersi appunto in viaggio”, ha affermato don Massimo Cabua nella presentazione della proposta annuale.
Verso le ore 13 tutti nella chiesa parrocchiale, ospitati dal parroco don Luca Pittau, per celebrare la Santa Messa, luogo centrale di tutta la giornata, come ricordato da don Massimo durante l’omelia, dove ha sottolineato l’importanza del lasciarsi incontrare dal Signore, passando anche per le nostre esperienze di deserto, che sempre ci saranno. Nel pomeriggio l’attività è ripresa nel campetto dell’oratorio, tra balli e giochi, con la sorpresa si una presenza d’eccellenza, quella del Vescovo Roberto, che ha voluto trascorrere il pomeriggio con i ragazzi e le ragazze presenti, mettendosi in gioco con loro, pur con un notevole clima invernale. A sostenere i ragazzi presenti, l’entusiasmo e la gioia di una ventina di animatori della Pastorale giovanile e delle parrocchie presenti. Una giornata intensa, dove non è venuta meno la bellezza della condivisione fraterna e il divertimento tra balli e musica, capaci di rendere la giornata oltre che riflessiva, ricreativa e gioiosa.

don Emmanuele Deidda

Prossimi appuntamenti
School of Life, dai 16 anni in su, il 26 gennaio alle ore 19 nel Convento S. Lucia a San Gavino M.le.
Carnevale diocesano degli Oratori e delle Famiglie, nel pomeriggio dell’8 febbraio a San Gavino;
II Meeting dei Ragazzi, sarà il 25 febbraio, con sede da definirsi.

di don Emmanuele Deidda

nato a San Gavino Monreale il 1° settembre 1991 e ordinato presbitero il 2 aprile 2016. Direttore dell’Ufficio Informatico (sito diocesano), Vicario parrocchiale della Cattedrale in Ales

Vedi tutti gli articoli pubblicati da don Emmanuele Deidda →