San Nicolò d’Arcidano. Paese in festa per il patrono

Un lungo fine settimana intenso, da venerdì 7 settembre a lunedi 10, ha visto il paese di San Nicolò d’Arcidano impegnato in onore dei festeggiamenti per il Patrono San Nicolò Vescovo. La parrocchia, insieme alla leva ’68 e al patrocinio dell’amministrazione comunale, ha organizzato in questi giorni diversi programmi sia religiosi che civili. Non sono mancati gli spettacoli musicali da sabato 8 fino alla notte di lunedì 10, animata dallo show di Benito Urgu.

Per quanto riguarda i festeggiamenti religiosi, lunedì 10 settembre, giornata dedicata al nostro Santo Patrono, ci sono state due celebrazioni, una alle ore 9 e una alle ore 17.30.La Santa Messa solenne delle ore 17.30, animata dal coro parrocchiale, è stata celebrata dal vescovo mons. Roberto Carboni insieme al parroco don Gian Pietro Fanari e a don Franco Montisci.

Il Vescovo si è soffermato a ricordaci la vita e le opere di San Nicola, e di quanto questo Santo fosse legato ai giovani, ai bambini e ai ragazzi: abbandonò le sue ricchezze per aiutare i poveri e i bisognosi. Questo messaggio di aiuto deve essere rivolto a tutta la nostra comunità e in generale vale per tutti. Aiutare il prossimo, aprendo gli occhi e il cuore, ecco l’insegnamento di S. Nicola.

Al termine della celebrazione tutta la comunità, guidata dal parroco don Gian Pietro Fanari si è avviata in una lunga processione, per le diverse vie del paese addobbate a festa con fiori e bandiere. Con la partecipazione delle confraternite del paese, che omaggiano il santo portandolo in spalla, e di tante altre confraternite dei dintorni di Terralba, Marrubiu e Mogoro, dei vari gruppi religiosi che portano nella processione gli stendardi che le contraddistingue, il gruppo folk arcidanese, il gruppo folk di Gonnosnò, Gonnosfadiga e Sardara e la banda musicale Giuseppe Verdi di Terralba, l’associazione culturale Launeddas del Sinis e i cavalli bardati a festa.