Creare opportunità di lavoro e dare un aiuto concreto ai tanti disoccupati del paese. Così la Giunta comunale di San Gavino ha appena approvato le linee progettuali per l’assunzione da parte del Comune di 28 disoccupati per otto mesi con contratto part-time. Ci sarà spazio per 2 giardinieri, 1 grederista, 11 operai, 1 geometra, 2 muratori, 4 manovali, 2 operatori per l’innovazione tecnologica dei siti culturali, 1 ingegnere per il censimento del patrimonio pubblico, 3 amministrativi e 1 ingegnere per la progettazione di interventi di infrastrutturazione della viabilità rurale e recinzioni delle terre civiche.

Ora la selezione delle persone sarà fatta dal Centro dell’impiego mentre l’assunzione e l’inizio del contratto di lavoro è prevista per settembre. “Il progetto – spiega il sindaco Carlo Tomasi – è finanziato dalla Regione Sardegna con 278mila euro ed è, anche se in maniera non esaustiva, un apprezzabile supporto pubblico nel contrasto alla disoccupazione. Nel nostro territorio vi è una grande emergenza legata alla mancanza di lavoro e ci sono tante aziende in crisi come la Keller. Ci sono comunque delle opportunità e stiamo seguendo con molta attenzione il progetto legato alla costruzione del nuovo Ospedale che permetterà alla sanità del territorio di fare un salto di qualità e nello stesso tempo darà nuovi posti di lavoro anche nella fase del cantiere. Sarà una grande opportunità di rilancio del territorio”. E a San Gavino, come negli altri paesi circostanti, la disoccupazione raggiunge livelli altissimi: un giovane su due non lavora.

Gian Luigi Pittau