Insieme la festa è più bella

Terralba. L’Oratorio interparrocchiale ha illuminato le festività natalizie

La proposta oratoriana del gioco e dell’amicizia ha riscontrato un buon successo e una gran voglia di partecipazione collettiva

L’ oratorio interparrocchiale di Terralba si è acceso di una luce particolarmente intensa durante queste festività natalizie, proponendo un ricco e variegato ventaglio di iniziative rivolto ai piccoli e ai grandi. Le attività si sono svolte nei locali degli oratori delle tre parrocchie del paese (San Pietro, San Ciriaco e Gesù Maestro) e hanno visto una partecipazione trasversale.
Collaborazione, ospitalità e accoglienza sono state le caratteristiche delle iniziative in cartellone e, senza dubbio, la proposta oratoriana volta a vivere questo tempo di vacanza all’insegna dello stare insieme con gioia e allegria, del gioco e dell’amicizia ha riscontrato un buon successo e una gran voglia di partecipazione. Non potevano mancare nel programma le classiche tombolate natalizie.
Nei locali dell’oratorio San Luigi Gonzaga si è svolta la storica e attesissima tombolata per i bambini e i ragazzi, che ha visto numerosi partecipanti. Un pomeriggio trascorso nel gioco e in compagnia, in un clima di gioiosa festa; a conclusione della serata ognuno è rientrato a casa contento, con un piccolo dono.
Per quanto riguarda le altre proposte in cartellone, si sono tenuti due concerti. Il primo è consistito nel tradizionale appuntamento, con la rassegna di canti e suoni della tradizione natalizia sarda “Cantus e sonus a sa grutta”, giunta alla XVII edizione. Il concerto è stato organizzato dal “Coro folk Terralba”, che si è esibito nel corso della serata alternandosi con il coro ospite “Boxis de Luna” di Lunamatrona, regalando grandi emozioni al pubblico presente nella chiesa di San Ciriaco.
Il secondo concerto è stato quello dei bambini del coro “Voci bianche” della parrocchia Gesù Maestro, che, con la loro interpretazione, hanno allietato la serata a genitori, famigliari ed amici. A seguire “la Tombolata”, momento di festa e gioco per tutti.
Presso il salone Parrocchiale Gesù Maestro è stato proposto anche lo spettacolo teatrale “E poi l’Africa – misteri di popoli e animali”, narrazione di storie belle, allegre e tristi di popoli e animali del continente nero.
Anche presso il salone Maria Ausiliatrice della parrocchia San Ciriaco, oltre alla festosa tombolata per le famiglie, si sono svolte diverse attività rivolte ai bambini e ai ragazzi. Nella settimana immediatamente seguente al Natale, l’oratorio ha offerto loro alcune aperture pomeridiane proponendo simpatici laboratori natalizi e giochi. Molti ragazzi hanno approfittato di queste aperture per allenarsi a tennis tavolo e calcio balilla in vista del “Torneo dell’Epifania”, che si è disputato dal 2 al 7 gennaio presso i locali del medesimo oratorio.
Il torneo ha visto l’iscrizione di oltre 60 partecipanti tra bambini, ragazzi e adulti, provenienti dalle due parrocchie del paese e che, per sei giorni consecutivi, si sono sfidati in un sano confronto. Due le categorie in gioco: 6-13 anni e 14-99 anni.
Da sottolineare il consistente numero di iscritti nella categoria 6-13 anni: oltre 30 bambini e ragazzi. La competizione ha lasciato il giusto spazio alla condivisione di strutture, attrezzature, merende, esperienze ed emozioni, e si è svolta in un clima sereno e famigliare a significare che il torneo, giunto alla sua quinta edizione, è proposto in una formula giusta per la comunità del terralbese.
Grande divertimento e agonismo anche per la categoria 14/99 anni, che ha visto come protagonisti numerosi giovani rispettosi e corretti nel disputare la gara, ma non solo… Segno questo di una gioventù in cammino in un percorso di crescita formativa, culturale e spirituale che si realizza nella condivisione e nello stare bene insieme e che la accompagnerà nella vita adulta.
Da segnalare nella medesima categoria la partecipazione, oltre che di un nutrito gruppo di fedelissimi amatori del torneo, anche di personaggi di spicco come il dirigente scolastico Francesco Corona, il sindaco della precedente amministrazione comunale Pietro Paolo Piras e l’attuale sindaco Sandro Pili, nonché il parroco della comunità don Massimiliano Giorri. Validissimi giocatori nel disputare il torneo, ma validissimi nel loro interesse primario che è il bene di tutta Terralba, a dimostrazione che “insieme si può fare di più”.
Una comunità in cammino è una comunità che cresce, certi della presenza del Signore in tutto ciò che accade intorno a noi.

Claudia Mereu