Devozione alla Madonna e servizio alla comunità

Siddi. Celebrati i 380 anni di fondazione della Confraternita del Rosario (1639 – 2019)

I l mese di maggio, tradizionalmente dedicato alla Vergine Maria, è celebrato a Siddi con grande solennità e partecipazione popolare. Anche la Confraternita del Rosario concorre ad omaggiare la Madre celeste specialmente in questo mese e in quello di ottobre. Tuttavia quest’anno è stato vissuto diversamente rispetto agli altri perché il sodalizio ha celebrato i 380 anni dalla propria fondazione. Infatti la Confraternita di Siddi è stata istituita il primo maggio 1639 ad opera di fra Pietro Sanna, dei Domenicani di Cagliari, su autorizzazione del Priore Padre Thomas Pitzalis.

Di quella prima Confraternita facevano parte 20 uomini, ma già nel 1640 a loro si unirono 52 “confadressas” guidate da una prioressa. Il sodalizio di Siddi, come tutte le altre confraternite, possedeva dei terreni e aveva un bilancio annuale. Oltre a questo, tra i loro doveri era contemplata la recita del Rosario, la preghiera per i moribondi, l’accompagnamento dei defunti al camposanto e il mantenimento della lampada votiva. La licenza per la fondazione era stata accordata da mons. Efisio Maxia, Vicario Generale della diocesi di Ales-Terralba e canonico prebendato di Siddi e Atzeni (quest’ultimo villaggio è scomparso nella prima metà del 1700). L’atto costitutivo venne firmato dal notaio Antioco Marchia.

Nonostante questo breve excursus ci riporti indietro nel tempo facendoci scoprire una realtà diversa dall’attuale, resta invariato, almeno in parte, lo spirito che accompagna gli associati. Malgrado gli inevitabili mutamenti storici la Confraternita di Siddi ha svolto la sua attività nei secoli in maniera quasi ininterrotta. Per questa ragione il 380 anniversario non poteva passare inosservato e lo stiamo vivendo intensamente attraverso una serie di celebrazioni e catechesi.

Il primo maggio, avviando il mese mariano, si è fatta memoria delle ragioni storiche che hanno spinto la parrocchia a volere la costituzione della Confraternita nel lontano 1639. Invece la celebrazione solenne, che ha coinvolto l’intera comunità, è stata vissuta la sera del 4 maggio in una chiesa gremita come nelle occasioni più solenni. È stato emozionante sentire l’affetto e la vicinanza dei nostri parrocchiani e avere accanto le mogli e i figli che ci aiutano e ci incoraggiano in questo cammino di fede. Ospite graditissimo è stato il diacono Luigi Loi di Guspini, delegato diocesano per le Confraternite, che ha richiamato i doveri di ogni iscritto e lo spirito che anima l’associazione.

Il parroco don Roberto Lai ci ha ringraziati per il servizio svolto in parrocchia e l’impegno legato alla pietà popolare, invitandoci a pregare anche per i confratelli e le prioresse defunti. “Essi – ha detto don Roberto – hanno lavorato e pregato in questa cittadina lasciandoci una testimonianza di fede che abbiamo il dovere di vivere e tramandare alle giovani generazioni. Il cammino di quasi quattro secoli della Confraternita è il segno di una comunità viva che desidera amare il Signore sotto lo sguardo di Maria”.

Va notato che alla nostra confraternita è stato dato nuovo slancio e vigore negli ultimi anni grazie alla sensibilità dei parroci che si sono susseguiti alla guida della parrocchia. Ci sembra doveroso ricordare l’impegno dei sacerdoti don Antonio Meloni, don Gianluca Carrogu, don Marco Piano, don Venanzio Sanna e don Roberto Lai che hanno dato il proprio contributo per la nostra crescita spirituale e per questo siamo loro riconoscenti. Attualmente la Confraternita è composta di dodici membri che si riuniscono mensilmente per la catechesi a loro riservata e zelano l’onore della Madre di Dio.

Ultimamente, sollecitati anche dal Vescovo diocesano mons. Carboni, si è lavorato insieme per la compilazione dello statuto e di un regolamento interno. Ci auguriamo di poter proseguire l’impegno di testimonianza, nonostante i nostri limiti, cercando di vivere ciò che il Vangelo che ci chiede imitando la Madonna, prima discepola del Signore.

I membri della confraternita