Raffaele Callia, direttore regionale Caritas

Raffaele Callia è il nuovo direttore della Caritas regionale. È stato nominato martedì 12 giugno dalla Conferenza episcopale sarda riunita sotto la presidenza di monsignor Arrigo Miglio, in sostituzione di don Marco Lai che per 5 anni ha ricoperto un incarico divenuto particolarmente impegnativo col fenomeno immigrazione.

Callia, laurea in Scienze Politiche, è direttore della Caritas diocesana di Iglesias e responsabile del Servizio studi e ricerche di Caritas Sardegna, autore del rapporto annuale sulla povertà nell’isola. Il braccio caritativo della Chiesa sarda è diventato ormai una portaerei di impegni in diversi ambiti, tutti di notevole complessità: carcere, case di accoglienza, mense, ostelli, dormitori, centri di ascolto, formazione, educazione alla mondialità, immigrati e nomadi, rifugiati e richiedenti asilo, laboratori di accompagnamento Caritas parrocchiali, servizio sociale, microcredito, antiusura, prestito della speranza, progetti di prossimità all’estero, promozione umana, volontariato. In aggiunta due report molto documentati su immigrazione Caritas/ migrantes e povertà ed esclusione sociale.

Una macchina complicata, affidata prevalentemente al volontariato, ma che richiede anche professionalità per le implicazioni economico-finanziarie e legali che la gran parte di queste funzioni determina. Una “macchina caritativa” che, inoltre, tiene costantemente aggiornati e “allenati” i suoi operatori. Tra agosto 2016 e luglio 2017 la Caritas regionale ha organizzato 10 incontri di promozione umana, di sensibilizzazione alla mondialità e 29 di formazione. Solo dai fondi dell’8xMille ogni anno arrivano in Sardegna circa 5 milioni di euro percentualmente ripartiti tra le dieci diocesi isolane, da rendicontare al centesimo.