Essere catechista, risposta a una chiamata

UCR. Iniziato a Oristano un nuovo entusiasmante cammino per la Chiesa sarda

Nei giorni 18 e 19 gennaio, nel centro di spiritualità “Nostra Signora del Rimedio” di Donigala Fenughedu, si è svolto il primo incontro della Scuola di Formazione di base per catechisti, voluto e coordinato dall’Ufficio Catechistico Regionale. L’intento è quello di promuovere un percorso unitario di formazione e collaborazione fra le diocesi sarde per condividere e far fruttare il potenziale presente nelle realtà ecclesiali della Chiesa sarda. Al convegno hanno preso parte circa novanta catechisti, provenienti da varie diocesi della Sardegna. I temi al centro della due giorni sono stati l’identità del catechista, la sua vocazione e la sua spiritualità.

Nella serata di venerdì i lavori sono stati introdotti da un primo momento, Catechista chi sei? Con relazioni e dinamiche proposte da don Maurizio Mirai (Iglesias) e da suor Antonella Cangiano FMA (Nuoro). Il secondo momento, Essere catechista: risposta ad una chiamata, è stato tenuto da mons. Mario Simula (Sassari), presbitero che ha speso tutto il suo ministero nella catechesi. Dopo cena è stato proiettato il film The Shack (2017), una pellicola che aiuta a destrutturare l’immaginario di Dio e ne presenta un’idea “fuori dalla norma”.

La giornata di sabato è stata altrettanto ricca. Il terzo intervento, Spiritualità: quale immagine di Dio? È stato proposto da don Alessandro Pilo (Sassari) e don Gianni Nieddu (Alghero – Bosa), cui hanno fatto seguito i laboratori e la condivisione dei risultati di questi. A mezzogiorno i catechisti si sono riuniti nella cappella per la celebrazione eucaristica, presieduta da mons. Ignazio Sanna che nell’omelia ha ricordato, in tre punti, l’essenza della catechesi e l’attualità dell’evangelizzazione.

Nel primo pomeriggio i lavori sono ripresi con il quarto step “I tratti spirituali del catechista” svolto da don Alessandro Enna con la collaborazione dell’equipe diocesana. Questi tratti sono stati sintetizzati nella figura di Maria Maddalena, “l’Apostola degli Apostoli”, presentata attraverso un racconto tratto dal saggio Gesù, Figlio dell’Uomo di Kahlil Gibran. Questo primo passo, che è stato occasione d’incontro, conoscenza e condivisione fraterna, segna l’inizio di un nuovo cammino per la Chiesa di Sardegna che rimane fedele alla sua missione di evangelizzare continuamente e annunciare con coraggio il Cristo risorto agli uomini e alle donne di oggi.

Giovanni Licheri