La Caritas per “lo sviluppo umano integrale” qui e ora

San Gavino M. Al Convegno diocesano annuale, presentato il bilancio dell’attività: entrate e uscite per 827.261,53 euro

Il 27 maggio scorso si è tenuto a San Gavino Monreale, presso il Centro pastorale diocesano, il Convegno annuale della Caritas diocesana di Ales-Terralba dal titolo “Lo Sviluppo Umano Integrale”. Al Convegno, insieme alle delegazioni delle Caritas parrocchiali della diocesi, hanno partecipato il vescovo mons. Roberto Carboni, il sindaco di San Gavino Monreale, dott. Carlo Tomasi, il Vicario della Pastorale, mons. Antonio Massa, il moderatore del Consiglio Pastorale Diocesano, mons. Pierangelo Zedda e il direttore della Caritas diocesana, mons. Angelo Pittau. Il Convegno è stato aperto dai saluti del sindaco Carlo Tomasi, che ha messo in evidenza l’opera sociale svolta dalla Caritas di Ales-Terralba, soprattutto nei momenti di grandi difficoltà e in assenza degli organi istituzionali preposti.
Il Vescovo ha presieduto la preghiera iniziale con una riflessione sul brano del Vangelo sul “Buon Samaritano”. “Voglio rileggere la Parabola, ha affermato mons. Roberto Carboni, alla luce del concetto, tema di questo Convegno, “lo sviluppo umano integrale”. Questo concetto è opposto allo sviluppo parziale dell’uomo. Probabilmente, uno dei grandi nodi della politica e del mondo dell’economia è che si occupano dello sviluppo dell’uomo, ma non in modo integrale. L’uomo non ha bisogno solo di risposte economiche ma di risposte integrali, che tengano conto di tutti i bisogni, compresi quelli spirituali”.
La relazione è stata svolta dal Direttore diocesano della Caritas, mons. Angelo Pittau, che si è soffermato sul tema del Convegno, dettato dal cammino tracciato da Papa Francesco, con la lettera “Apostolica Humanam Progressionem”, a cui ha fatto seguito il “motu proprio” con il quale ha istituito il Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale.

Articolo intero su Nuovo Cammino n. 10, pag. 13.

Sergio Concas