Ales. Funziona la rete del “Centro San Giuseppe”

A un mese dall’avvio del progetto è già tempo di fare un primo resoconto e valutare l’ultimo nato della Caritas Diocesana

Il “Centro Comunitario per la Famiglia San Giuseppe”, con sede in Ales nei locali della ex-scuola Enaip ha avviato la sua attività nei primi giorni di settembre. Ha orientato da subito il progetto di promozione umana per la salvaguardia della famiglia quale cellula pulsante della nostra società. Una esigenza molto sentita nel territorio dell’Alta Marmilla, sia negli ambienti della Chiesa che più in generale della società, delle associazioni e delle Amministrazioni locali. Il Centro e l’equipe di collaboratori hanno puntato sul fare rete con le altre risorse del territorio, cercando il contatto e portando a conoscenza dei Comuni e dei relativi Servizi Sociali gli obiettivi del Centro e le sue potenzialità, immediate e future e soprattutto offrendo da subito la propria disponibilità.

L’equipe, che va formandosi, è disponibile in orari prestabiliti anche per i contatti diretti ed eventualmente riservati con gli utenti che lo desiderano. Si è concentrata sulla sensibilizzazione relativi ai temi impostati, fornisce informazioni riguardanti i servizi informativi e di supporto psicologico offerti dallo sportello d’ascolto. Questi delicati e importantissimi servizi sono disponibili sia per il singolo che per l’intero nucleo familiare che dovesse trovarsi in condizione di reale difficoltà e disagio familiare, lavorativo, economico e/o sociale.

Il servizio proposto nella delicata modalità di ascolto, propone e offre, accompagnando, un percorso orientato ad aumentare il proprio livello di autostima e il desiderio di autoaffermazione e finalizzati all’assunzione di un atteggiamento positivo di fronte ad un evento negativo. Si attiva un percorso di orientamento che stimola la ricerca in sé stessi di quegli strumenti per poter fronteggiare situazioni di momentanea crisi, che potrebbero generare atteggiamenti di profonda negatività, che impedisce di ragionare in maniera lucida nella ricerca dei mezzi per fronteggiarla e che spesso non sono così lontani da noi.

In questo primo mese di attività è stato riscontrato un notevole interesse ed entusiasmo per il progetto e per le sue finalità. Ciò ha portato gli enti pubblici e più in generale gli amministratori contattati, a confermare la propensione alla collaborazione e a considerare il centro una risorsa in più per il loro territorio. Un territorio che sta vivendo un momento difficile di forte crisi economica e sociale, ma anche valoriale, in una società dove sembrano essere sempre più stretti gli spazi per un’istituzione come la famiglia, pilastro portante della nostra società. Affinché la collettività possa prendere confidenza con il Centro e vivere lo stesso quale luogo di incontro, confronto e condivisione, sono stati offerti una serie di appuntamenti cinematografici.

Il 4 ottobre il Centro San Giuseppe ha ospitato il film” Silence” che ha fatto tappa nei principali centri di diocesani. L’evento ha avuto un notevole riscontro in termini di partecipazione. Attualmente è in programma la proiezione di una rassegna cinematografica di cartoni animati dedicata ai bambini. La rassegna prevede 4 appuntamenti, in quattro sabati consecutivi. La prima proiezione è avvenuta il 20 ottobre con il cartone “Alla ricerca di Dory”. Anche in questo caso si è registrata una buona partecipazione. Quest’attività di sensibilizzazione ha ottenuto i primi risultati, che sono valutabili già nell’immediato.

È stata riscontrata, infatti, una risposta repentina da parte della comunità, sia per quanto riguarda lo sportello informativo e d’ascolto, sia quale centro di aggregazione e socializzazione durante lo svolgimento delle attività che vedono come protagonista le stesse comunità. Il Centro è aperto al pubblico il lunedì, martedì e venerdì mattina dalle 9:00 alle 12:30 il mercoledì al pomeriggio per appuntamento. Per qualsiasi informazione i collaboratori sono disponibili anche telefonicamente al numero 3488896776 e all’indirizzo email: centrofamigliaales@ gmail.com